Letteratura Inglese II (AA 2014/2015) | Prof. F. de Giovanni

By | February 10, 2016

Obiettivo del corso di letteratura inglese II è quello introdurre gli studenti ad uno dei periodi più ricchi e significativi della storia letteraria inglese, vale a dire, alla stagione del modernismo. Questo termine – divenuto canonico nel contesto della critica angloamericana con  la pubblicazione dell’ormai celebre saggio di Bradbury-McFarlane Modernism (1976) – indica il vasto e composito movimento delle cosiddette avanguardie storiche, che nei primi decenni del Novecento investirono la cultura europea innovando profondamente il linguaggio della letteratura e delle arti attraverso la ricerca e  l’invenzione di nuove forme e codici espressivi.
Il corso si propone di offrire agli studenti una panoramica delle principali espressioni della letteratura modernista nell’ambito della cultura inglese, ponendo in risalto, da una parte, i nessi che collegano le esperienze maturate in Gran Bretagna con le coeve manifestazioni nel più ampio contesto europeo e, dall’altra, i legami che connettono il rinnovamento del linguaggio poetico e narrativo con le parallele sperimentazioni artistiche.
Dopo aver preso in esame il problema della definizione e della datazione di un fenomeno culturale complesso e variegato quale fu il modernismo, il corso si focalizzerà su testi appartenenti a generi letterari differenti, che verranno letti in lingua originale e indagati tenendo conto dei più recenti approcci critici al ‘900 inglese. Una particolare attenzione verrà dedicata alla trasformazione della forma romanzo, a partire dalla narrativa di Joseph Conrad, di cui verrà letto Heart of Darkness, per approdare alle scrittura sperimentale di Virginia Woolf, della quale verrà analizzato in particolare To the Lighthouse. L’indagine sulle innovazioni del linguaggio narrativo prenderà poi in esame il genere della short story, sottoposto ad una radicale ridefinizione nei racconti di James Joyce e di Katherine Mansfield, che saranno oggetto di specifiche lezioni.  La  parallela rivoluzione del linguaggio poetico verrà indagata attraverso l’analisi di una selezione di testi di T.S. Eliot, del quale verrà presa in esame anche la scrittura saggistica, e in particolare il saggio “Tradition and Individual Talent”, in cui egli enuncia e chiarisce i principi di quella poetica della impersonalità che ispira tutta la sua produzione poetica e che costituisce uno dei principi cardine della teorie estetiche moderniste.  Rimanendo in tale ambito, uno  spazio specifico verrà riservato anche alla riflessione sulla scrittura impressionista di Ford Madox Ford.
Oltre alla conoscenza delle espressioni letterarie più significative delle avanguardie storiche inglesi il corso si propone di favorire negli studenti una più matura consapevolezza della complessa natura del testo letterario e di affinare la loro capacità di comprensione e analisi dei testi attraverso l’utilizzo di strumenti critici e approcci metodologici diversificati, in tal senso la bibliografia critica inclusa nel programma costituirà un indispensabile riferimento, cui si affiancheranno anche le ulteriori indicazioni bibliografiche e sitografiche che verranno fornite durante le lezioni e sul sito. Il corso mira, inoltre, a rafforzare la competenza linguistica e comunicativa in lingua inglese degli studenti e a consolidare la loro capacità di utilizzare un linguaggio disciplinare specifico sia in italiano sia in inglese.

Obiettivi formativi

IL CORSO SI PROPONE DI FAR ACQUISIRE CONOSCENZA DELLE AVANGUARDIE ARTISTICHE E LETTERARIE CHE OPERANO AGLI INIZI DEL XX SECOLO IN INGHILTERRA, ATTRAVERSO L’ANALISI DI TESTI LETTERARI SIGNIFICATIVI APPARTENENTI A GENERI DIVERSI, INTERPRETATI ALLA LUCE DELLE TEORIE CRITICHE CONTEMPORANEE.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO PREVISTI:

– CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

CONOSCENZA DELLE ESPRESSIONI LETTERARIE PIÙ SIGNIFICATIVE DELLE AVANGUARDIE STORICHE INGLESI NONCHÉ DEL MODO IN CUI ESSE SI INSERISCONO NEI CONTESTI STORICO-CULTURALI DEL PRIMO NOVECENTO; CONOSCENZA DELLA COMPLESSA CIRCOLAZIONE DI INTELLETTUALI, IDEE E SPERIMENTAZIONI TEMATICO-FORMALI NELL’AMBITO DELLA CULTURA EUROPEA DEL PERIODO; CAPACITÀ DI COMPRENSIONE DELLE METODOLOGIE USATE PER L’ANALISI DEL TESTO LETTERARIO E CULTURALE.

– CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

CAPACITÀ DI ANALIZZARE IN MODO PIÙ APPROFONDITO IL FENOMENO LETTERARIO NEL SUO COMPLESSO, BASANDOSI SULLA CONSAPEVOLEZZA DELLA VARIETÀ DI FORME E GENERI LETTERARI IN PERIODI STORICI DIVERSI; SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI UTILIZZARE STRUMENTI CRITICI E APPROCCI METODOLOGICI DIVERSIFICATI NELLA LETTURA DI TESTI; ACQUISIZIONE DELLO SPIRITO CRITICO COME COMPONENTE DELLA CAPACITÀ DI ANALISI DI SITUAZIONI COMPLESSE INDIRIZZATA ALLA RISOLUZIONE DI PROBLEMI, IN CONTESTI SIA DI STUDIO CHE LAVORATIVI.

– AUTONOMIA DI GIUDIZIO:

CAPACITÀ DI RACCOGLIERE, SELEZIONARE E INTERPRETARE DATI RELATIVI ALLO SPECIFICO AMBITO DI STUDI; SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI LETTURA CRITICA DI UN TESTO LETTERARIO E ACQUISIZIONE DI CAPACITÀ DI ELABORAZIONE AUTONOMA DEL MATERIALE PRESENTATO DAL DOCENTE.

– ABILITÀ COMUNICATIVE:

CAPACITÀ DI COMUNICARE INFORMAZIONI E CONCETTI COMPLESSI ATTINENTI ALLA CRITICA LETTERARIA CON PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO IN ITALIANO E PARZIALMENTE ANCHE IN INGLESE.

– CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO NECESSARIA PER ARRICCHIRE ULTERIORMENTE LA CONOSCENZA DELLA LETTERATURA INGLESE DEL NOVECENTO E PER APPLICARE TALI CONOSCENZE ANCHE AD ALTRI INSEGNAMENTI DEL CORSO DI STUDIO.

Prerequisiti

LO STUDENTE DEVE AVER SUPERATO L’ESAME DI LETTERATURA INGLESE I E DI LINGUA INGLESE I (COMPETENZA B1QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO PER LE LINGUE).

Contenuti del corso

IL CORSO VERTERÀ SU SCUOLE E MOVIMENTI LETTERARI DEL PRIMO ‘900 IN INGHILTERRA, DI CUI SARANNO LETTI E ANALIZZATI TESTI APPARTENENTI A DIFFERENTI GENERI LETTERARI (POESIA, ROMANZO, RACCONTO, SAGGIO). TENENDO CONTO DEI PIÙ RECENTI APPROCCI CRITICI AL ‘900 INGLESE, IL CORSO SI ARTICOLERÀ IN BLOCCHI DI UNITÀ DIDATTICHE, RIVOLGENDO UN’ATTENZIONE PARTICOLARE AI SEGUENTI NUCLEI TEMATICO-FORMALI:

A) MODERNISMO: DATAZIONI, DIBATTITI, DEFINIZIONI.

B) LE AVANGUARDIE INGLESI E IL CONTESTO EUROPEO.

C) IL MODERNISMO LETTERARIO E LE ARTI.

D) HEART OF DARKNESS E L’IMPERO.

E) LA SHORT STORY MODERNISTA: “THE SISTERS” DI J. JOYCE.

F) LA POESIA DI T.S. ELIOT.

G) TO THE LIGHTHOUSE: LA PITTURA E IL ROMANZO.

H) LA SCRITTURA FEMMINILE.

Metodi didattici

IL CORSO SI ARTICOLA IN 54 ORE DI LEZIONI FRONTALI. GLI STUDENTI CHE LO DESIDERANO POTRANNO PARTECIPARE ALLE LEZIONI CON BREVI RELAZIONI SU ARGOMENTI SCELTI DI CONCERTO CON IL DOCENTE. DURANTE IL CORSO SARANNO LETTE E TRADOTTE ALCUNE PARTI DEI TESTI PRIMARI ADOTTATI E SARANNO COMMENTATI GLI STUDI CRITICI INCLUSI NEL PROGRAMMA. SI PREVEDE INOLTRE LA PROIEZIONE DI ALCUNI FILM TRATTI DALLE OPERE LETTERARIE OGGETTO DI STUDIO.

Modalità di verifica dell’apprendimento

IL PROFITTO DELLO STUDENTE È VALUTATO TRAMITE ESAME ORALE ALLA FINE DEL CORSO. L’ESAME SI SVOLGE IN LINGUA ITALIANA E INGLESE. AL MOMENTO DELL’ESAME SI CHIEDERÀ ALLO STUDENTE DI LEGGERE E COMMENTARE BRANI SIGNIFICATIVI IN LINGUA ORIGINALE TRATTI DAI TESTI ADOTTATI. LO STUDENTE DOVRÀ DIMOSTRARE DI CONOSCERE SIA I TESTI PRESENTATI DAL DOCENTE NEL CORSO DELLE LEZIONI CHE GLI STUDI CRITICI RELATIVI. SONO VALUTATE POSITIVAMENTE LA CAPACITÀ DI ELABORARE IN MODO AUTONOMO E CRITICO IL MATERIALE PRESENTATO DAL DOCENTE E LA
CAPACITÀ DI CAPIRE, ANCHE CON L’AUSILIO DEI TESTI CRITICI ADOTTATI, I COLLEGAMENTI TRA I VARI TESTI STUDIATI, NONCHÉ LE RELAZIONI  TRA I TESTI STUDIATI E I CONTESTI SOCIO-CULTURALI IN CUI ESSI SI SITUANO, CON RIFERIMENTO A SCUOLE E CORRENTI LETTERARIE ANCHE EUROPEE.

Testi di riferimento

J. CONRAD, HEART OF DARKNESS (1899)

J. JOYCE, “THE SISTERS” (1914)

T.S. ELIOT, “RHAPSODY ON A WINDY NIGHT” (1917)

V. WOOLF, “MR BENNETT AND MRS BROWN” (1924)

V. WOOLF, TO THE LIGHTHOUSE (1927)

V. WOOLF, “PROFESSIONS FOR WOMEN” (1931)

P. BERTINETTI (A CURA DI), ENGLISH LITERATURE. A SHORT HISTORY, TORINO, EINAUDI, 2010 (CH.IX )

P. CHILDS, MODERNISM, LONDON AND NEW YORK, ROUTLEDGE, 2007

A. HUNTER, “JAMES JOYCE”, IN ID., THE CAMBRIDGE INTRODUCTION TO THE SHORT STORY IN ENGLISH,

CAMBRIDGE,C.U.P., 2007, PP. 43-61.

G. SERTOLI, “INTRODUZIONE”, IN J. CONRAD, CUORE DI TENEBRA, TORINO, EINAUDI, 2009, PP. III-XLIV

E. AUERBACH, “THE BROWN STOCKING”, IN M. BEJA, TO THE LIGHTHOUSE. A CASEBOOK, LONDON,

MACMILLAN, 1983, PP. 105-132.

F. DE GIOVANNI, “WOOLF/BRISCOE: PROFESSIONE DI SINCERITÀ”, IN V. VILLA, RIPENSARE VIRGINIA

WOOLF, NAPOLI, INTERCONTINENTALIA, 2001, PP. 81- 92.

Altre informazioni

ESISTONO BUONE EDIZIONI CON TESTO A FRONTE DI ALCUNI DEI TESTI ADOTTATI, COME, AD ESEMPIO, J. CONRAD, HEART OF DARKNESS (EDIZIONE EINAUDI A CURA DI G.SERTOLI). ANCHE DI “RHAPSODY ON WINDY NIGHT” DI ELIOT È CONSIGLIATA LA LETTURA CON TESTO A FRONTE. “THE SISTERS ” DI JOYCE, “MR BENNETT AND MRS BROWN” E “PROFESSIONS FOR WOMEN” DI V. WOOLF, INVECE, VANNO LETTI INGLESE. TO THE LIGHTHOUSE PUÒ ESSERE LETTO SIA IN TRADUZIONE, SIA IN LINGUA ORIGINALE.

 

Materiali didattici

BIBLIOGRAFIA MODERNISMO

Testi di carattere generale
Bradbury, M. and McFarlane J. (eds.), Modernism: A Guide to European Literature 1890-1930, Hamondsworth, Penguin, 1976
Brooker, P., Modernsim/Postmodernism, Essex, Longman, 1992
Brown, D., The Modernist Self in Twentieth Century English Literature, London, Macmillan, 1989
Cianci, G. (a cura di), Modernismo/Modernismi, Milano, Principato, 1991
Faulkner, P., Modernism, London, Methuen, 1977
Kermode, F., The Sense of an Ending, Oxford, O.U.P., 1966
Levenson, M., A Genealogy of Modernism, Cambridge, C.U.P., 1984

Sulla narrativa modernista (romanzo e short story)
Head, D., The Modernist Short Story, Cambridge, C.U.P., 1992
Hunter, A., The Cambridge Introduction to the Short Story in English, Cambridge, C.U.P., 2007
Stevenson, R., Modernist Fiction: An Introduction, Hernel Hempstead, Harvester, 1992
Modernismo e questioni di ‘genere’
Di Michele, L. (a cura di), Modernismi femminili, Napoli, Giannini, 2012
Scott, B.K., The Gender of Modernism, Bloomington, Indiana U.P., 1990
Su singoli autori
de Giovanni, F., La pagina e la tela. Intersezioni in Virginia Woolf, Napoli, Giannini,
Kaplan, S.J., Katherine Mansfield and the Origins of Modernist Fiction, Ithaca, Cornell U.P., 1991
Manferlotti, S., James Joyce, Catanzaro, Rubbettino, [1997], 2012.
Serpieri, A., T.S. Eliot. Le strutture profonde, Bologna, il Mulino, 1973
Stape, J.H., The Cambridge Companion to Joseph Conrad, Cambridge, C.U.P., 1996

Sitografia consigliata:
modernism.research.yale. edu (The Modernism Lab at Yale University)

Leave a Reply