Letteratura Inglese I | M. Lops

IL CORSO SI PROPONE DI AFFRONTARE LO STUDIO DEL ROMANZO IN QUANTO ESPRESSIONE PIÙ SIGNIFICATIVA DELLA CULTURA LETTERARIA INGLESE DELL’OTTOCENTO.
DOPO AVER RICOSTRUITO LA GENESI DEL GENERE IN RELAZIONE ALL’EMERGERE DELL’INDIVIDUALISMO BORGHESE, CI SI SOFFERMERÀ SULLA MOLTEPLICITÀ DELLE FORME E DELLE CONVENZIONI NARRATIVE CHE SI IMPONGONO IN ETÀ VITTORIANA. IN PARTICOLARE SARÀ ANALIZZATA LA COESISTENZA E L’INTRECCIARSI DI PARADIGMA REALISTICO-MIMETICO E ISTANZE FANTASTICHE, DUE MODALITÀ CHE FANNO DEL ROMANZO IL VEICOLO PRIVILEGIATO DI ESPLORAZIONE DELL’UNIVERSO STORICO-SOCIALE E LO STRUMENTO INDISPENSABILE PER SCANDAGLIARE I TERRITORI DELLA PSICHE.
NELLA PARTE INTRODUTTIVA DEL CORSO, DEDICATA ALLA RICOSTRUZIONE DEL CONTESTO CULTURALE VITTORIANO, SPECIALE ATTENZIONE SARÀ RIVOLTA ALLA RIFLESSIONE DEI COSIDDETTI “VICTORIAN PROPHETS”
IL CORSO SI ARTICOLERÀ NELLE SEGUENTI SEZIONI:
• L’OTTOCENTO IN INGHILTERRA: CENNI STORICI, DATAZIONE, DEFINIZIONI
• CULTURA E SOCIETÀ INDUSTRIALE: CARLYLE, RUSKIN,ARNOLD, MORRIS
• ALTERITÀ, IDENTITÀ NAZIONALE E ROMANZO STORICO: “IVANHOE” DI WALTER SCOTT
• MOBILITÀ SOCIALE E UNIVERSO URBANO: “GREAT EXPECTATIONS” E IL IL BILDUNGSOMAN
• DESIDERI, PAURE, MOSTRI, MACCHINE: “DRACULA” E IL GOTICO VITTORIANO
• IL DIBATTITO SUL ROMANZO: NOVEL VS ROMANCE